casa editrice la fiaccola

City Logistics e sostenibilità tra i temi di Future Mobility Expoforum 2019 Appuntamento il 18 e il 19 novembre al Lingotto di Torino


Gli attori impegnati, o semplicemente interessati, al domani della mobilità si daranno convegno, per due giorni, da lunedì 18 novembre a martedì 19 novembre p.v. a Torino, presso il Centro Congressi del Lingotto, per la seconda edizione di Future Mobility Expoforum, evento organizzato da GL Events e Clickutility Team, che proporrà un ricco programma d'aula e uno spazio riservato all'incontro e all'interazione (contaminazione) tra istituzioni, enti di ricerca e aziende.

Tre le conferenze nazionali previste: Guida Autonoma, Urban Air Mobility (in calendario entrambe già nella prima giornata) e Micromobilità (segnata per quella successiva). 

Tra le altre tematiche inserite nell'agenda dei convegni, la City Logistics reclama un'attenzione speciale. Sono diversi i fattori che hanno contribuito a portarla in primo piano: esplosione del traffico commerciale, crescita esponenziale dell'e-commerce, nuova avanzata dei negozi di prossimità rispetto ai centri GDO (Grande Distribuzione Organizzata). Fattori che impongono tutti lo studio di soluzioni in grado di efficientare l'attività di consegna, anche grazie al ricorso a soluzioni tecnologiche (smart).

La conferenza sulla logistica urbana sarà guidata da Massimo Marciani, Presidente del Freight Leaders Council (FLC), recentemento insignito da Assologistica del premio Logistico dell'Anno 2019.

La riflessione su come gestire l'ingente flusso di veicoli e di merci ogni giorno in circolazione sulle strade italiane si legherà al tema della E-Mobility, ambito che non coincide con quello della mobilità sostenibile, giacché ridurre gli agenti inquinanti immessi nell'ambiente attraverso il ricorso a motorizzazioni zero emissioni rappresenta solo una parte della possibile soluzione al problema di migliorare la qualità dell'aria e della vita di quanti vivono nei centri urbani. 

Entra così in campo un concetto centrale, anche all'interno dei lavori di Future Mobility Expoforum: MaaS, acronimo che sta per Mobility as a Service, ossia la capacità di strutturare un nuovo paradigma di mobilità per conseguire i medesimi obiettivi odierni, combinando tra loro diverse soluzioni (intermodalità) o sfruttando i vantaggi dell'approccio collaborativo.

Accorpando le attività di operatori differenti che però si trovano costantemente a seguire gli stessi tragitti, si potrebbe al contempo ridurre il numero dei veicoli su strada e delle corse. Se poi si attrezzassero le aree di sosta con servizi quali cambio gomme, lavaggio del veicolo e ricarica di quello elettrico (Smart Parking), tanto per i clienti privati che per gli autotrasportatori professionisti, si otterrebbe un risparmio di tempo e di strada notevole. 

Cliccate sul link del programma di Future Mobility Expoforum, di cui la rivista leStrade è Media Partner, per conoscere nomi dei relatori e contenuto degli interventi di ciascun convegno.

Partner