M4, sottoscritto l'Atto Integrativo alla Convenzione di ConcessioneConfermati gli accordi tra le parti, prima apertura nel gennaio 2021


Con la sottoscrizione, in data 5 febbraio 2019, dell'Atto Integrativo alla Convenzione di Concessione relativa alla nuova linea metropolitana M4 di Milano non rimangono più punti da mettere nero su bianco con riferimento agli accordi tra le parti interessate dall'operazione: il Comune del capoluogo lombardo, la Concessionaria M4 SpA e la cordata dei soci costruttori capitanata da Salini Impregilo (Astaldi Spa ha ottenuto dal Tribunale di Roma il permesso di firma).

Dal documento possono essere stralciate alcune indicazioni, in particolare sul cronoprogramma, che si mantiene in linea con quanto comunicato sino ad oggi. La prima delle due TBM (tunnel boring machine, 'talpe meccaniche') impegnate nella Tratta Ovest sta infatti per raggiungere la Stazione Frattini, mentre l'altra è ripartita da Gelsomini e prosegue nella sua opera di scavo.


(per la photogallery: credits 'Patrick Toomey Neri3')

Concluso il lavoro sulla Tratta Est, una prima 'talpa' si è messa da poco in viaggio per raggiungere il centro della città. 

Il calendario delle aperture si conferma pertanto il seguente: entrata in funzione anticipata di una prima tratta, la Linate-Forlanini Fs, entro il mese di gennaio 2021, di una seconda (Linate-Stazione Dateo) entro giugno 2022 e di una terza (Linate-Piazza San Babila) entro dicembre 2022. La tratta rimanente di congiunzione con lo scalo ferroviario di S. Cristoforo sarà portata a termine per il luglio dell'anno successivo.

La grande opera della M4 vedrà confluire nuovi investimenti, di natura pubblica e privata, per un ammontare complessivo di 313 milioni di euro. Già annunciato, inoltre, un ulteriore aumento di capitale della società concessionaria.

Partner