Con il Paese che riparte, ripartono i corsi dell’Accademia del CalcestruzzoLa migliore risposta alla domanda (di professionisti) del settore: formare i tecnologi del calcestruzzo



Cultura professionale, cultura professionale, cultura professionale. Perché è la base di tutto, in ogni settore e specialmente in ambito tecnico, perché se si studia bene alla fine si progetterà bene e si realizzeranno opere sicure e durevoli. Quelle per esempio previste dal nuovo PNRR e a cui tutti gli stakeholder stanno lavorando, facendo balzare alle stelle, peraltro, proprio la domanda di specialisti della tecnica e delle tecnologie costruttive.

Un concetto semplice? Forse no, perché nel nostro Paese ancora tutti non l’hanno pienamente compreso. Chi l’ha fatto egregiamente, invece, è la Fondazione Istituto Italiano per il Calcestruzzo di Renate Brianza, presieduta da Silvio Cocco, che dal 2020 ha dato vita a una vera e propria academy per lo studio e l’applicazione di questo materiale cruciale: l’Accademia del Calcestruzzo. 

Ora, dopo la pausa estiva, l’Accademia ripropone i suoi corsi, a partire da quello fondamentale dal titolo che già spiega (quasi) tutto: “Tecnologo del calcestruzzo”. Le lezioni si terranno dal 5 ottobre al 23 novembre, 3 ore al giorno il martedì e il giovedì, in modalità web attraverso la piattaforma dell’organizzazione. Previsti un test iniziale e un test finale.

Per iscriversi ecco i contatti utili: www.istic.it/corsi - fondazione@istic.it - Tel. +39 0362 918516. Un aspetto di grande rilevanza da sottolineare: essendo l’Accademia provider accreditato per la formazione, il corso è valido per il conseguimento di ben 45 crediti formativi professionali per gli iscritti all'Albo degli Ingegneri.

Scarica la locandina del Corso Tecnologo del Calcestruzzo

 

(descrizione)

Uno sguardo sulle materie

Tutto quello che avreste voluto sapere sul calcestruzzo e nessuno ha mai osato dirvi. Proprio nessuno? Niente affatto. C’è un team di specialisti a Renate Brianza, che da molti anni ha fatto di questa attività di educazione (tecnica, ma anche civica, ci permettiamo di dirlo) una vera e propria vocazione. Con Silvio Cocco, presidente IIC, e con la vicepresidente Valeria Campioni, i docenti dell’Accademia insegneranno ogni risvolto della materia calcestruzzo, in modo approfondito, documentato e interattivo. Si parte, naturalmente, dagli aggregati, tra produzione, caratterizzazione, natura geologica e qualità. E dalle loro proprietà secondo la marcatura CE-EN 12620. Quindi, si passerà all’analisi per determinare la qualificazione degli aggregati e a una serie di prove in laboratorio virtuale. Quindi, si entrerà nel vivo del ciclo produttivo, partendo dai cementi. Alcuni approfondimenti: EN 196-1, metodi per le analisi chimiche dei cementi; EN 197-1, composizione, caratteristiche e criteri di conformità dei cementi (anche in questo caso sono previste prove in laboratorio virtuale).

Ultimo ma non ultimo, come si suol dire, il calcestruzzo, tra produzione, caratterizzazione, e qualità, a partire dalla cornice normativa delle EN 206 ed EN 11104, nonché del Decreto Ministeriale (NTC) e delle relative linee guida. Di seguito, gli aspetti trattati dal corso saranno: presidio del getto produzione, trasporto e messa in opera; qualifiche e test di caratterizzazione nel laboratorio virtuale; indagini sul calcestruzzo, prove distruttive e non distruttive; gli additivi per calcestruzzo; la progettazione del calcestruzzo, quindi il giusto calcestruzzo per ogni specifica destinazione.

(descrizione)

Le fondamenta del buon costruire

L’Accademia - ha dichiarato Silvio Cocco - è il frutto maturo di 20 anni dedicati alla formazione di base erogata dall’Istituto Italiano per il Calcestruzzo presso i vari istituti per geometri in Lombardia, Istituti che hanno con noi condiviso la necessità di far accedere gli studenti - attraverso il nostro percorso formativo sul calcestruzzo - al mondo del lavoro, non più un mero nozionismo scolastico, ma un vero e proprio contatto con la realtà del cantiere. Le vicissitudini del settore, a partire dal ponte diventato Morandi, ci hanno convinto che, senza lasciare la scuola, vi era la necessità di ampliare ed estendere i corsi, per portarli fino all’Università e interessare anche il mondo stesso del lavoro. Troppe posizioni lavorative sono vuote, oppure occupate abusivamente da chi non ha alcun titolo per farlo. La produzione del calcestruzzo è un'attività troppo lunga e tortuosa e in questo difficile percorso oggi, spesso, prosperano l’incompetenza, l’ingordigia, il facile guadagno. L’Accademia del Calcestruzzo è nata e cresciuta proprio per cercare di porre un argine a questo stato di cose; non è solo una lotta alla ‘non conoscenza’, ma e anche una ‘guerra’ a chi questo stato di cose lo vuole, perché in esso riesce a navigare meglio”. 

L’Accademia non vuole solo creare un Tecnologo del calcestruzzo professionale, ma su questa professionalità costruire figure tecniche che mancano al nostro voler ben costruire, come per esempio:

  • Tecnico certificatore specializzato in certificazione di cementerie, cave di estrazione aggregati, centrali di betonaggio, prefabbricatori;
  • Tecnico per la gestione totale degli impianti di betonaggio;
  • Tecnico responsabile della qualità per cave di estrazione aggregati, centrali di betonaggio, imprese di costruzione, prefabbricatori;
  • Tecnico commerciale specializzato per la vendita di calcestruzzo alle imprese di costruzione e promozione dei calcestruzzi presso gli studi di progettazione e direzione lavori.