leStrade web

logo fiaccola                     Facebook  Twitter  Google  Pinterest                          cookie policy

Banner Volvo CE

A+ A A-

Realizzata a Roma la prima strada con grafene

  • Pubblicato in Dal mercato

È partita la seconda fase della sperimentazione operata da Iterchimica (azienda attiva nel mercato degli additivi per asfalti) insieme all’Università La Sapienza di Roma e la Città Metropolitana di Roma Capitale. Il progetto, che avevamo anticipato sul numero speciale di leStrade 120Anni nella sezione “Gli Innovatori”, prevede la realizzazione della prima strada al mondo con Ecopave, un supermodificante a base di grafene. Ieri, 24 settembre, l’asfalto a base di grafene, è stato posato sulla Strada Provinciale Ardeatina.

Già dopo una prima fase di sperimentazione basata su progettazione, sviluppo e controlli in laboratorio del supermodificante, è emerso che Ecopave consente l’incremento delle prestazioni, con particolare riferimento all’aumento della resilienza e alla minor suscettibilità alla temperatura ambientale (anche in presenza di forti escursioni termiche) e quindi di aumentare la vita utile delle pavimentazioni stradali. La seconda fase, come anticipato, è consistita invece nel rifacimento, da parte di A.S. Appalti Stradali (che è anche il produttore del CB), degli ultimi due strati della pavimentazione stradale di un chilometro nella Strada Provinciale Ardeatina, per l’esattezza tra il km 15+800 e il 16+800 in direzione sud. La sperimentazione è stata inserita all’interno di un Accordo Quadro che prevede il ripristino solo superficiale di un tratto dissestato della pavimentazione esistente. In rifacimento soltanto gli ultimi due strati in asfalto superficiali (binder e tappeto di usura) dei tre che compongono la strada (base, binder e usura).Iterchimica

Infine, la terza e ultima fase sarà dedicata al monitoraggio: saranno eseguiti dei controlli sia in fase di posa in opera dell’asfalto, con raccolta e analisi di campioni delle miscele, sia nei mesi successivi (ipotizzati fino a 72 mesi) con carotaggi e prove dinamiche, anche direttamente sulla strada.

Al monitoraggio partecipa anche GRS, società specializzata in rilevazioni stradali con strumenti ad alto rendimento non distruttivi, che realizzerà indagini con apparecchiatura HWD per misurare la resistenza degli strati della pavimentazione.

 

In foto Vito Gamberale Presidente di Iterchimica e Marcello De Vito, Consigliere delegato alla Viabilità della Città metropolitana di Roma Capitale.

 

www.cittametropolitanaroma.gov.it

www.iterchimica.it

www.appaltistradali.it

 

 

Leggi tutto...

Super-strade al grafene

  • Pubblicato in Dal mercato

Dalla ricerca Made in Italy di Iterchimica e Directa Plus arrivano gli asfalti supermodificati con grafene. Per prestazioni al top

Per garantire prestazioni sempre più elevate delle pavimentazioni, si impiegano oggi soluzioni che consentono di modificare o il bitume (PMB - Polymer Modified Bitumen) o la miscela bituminosa (PMA - Polymer Modified Asphalt). È il caso, quest’ultimo, di una tecnologia estremamente innovativa sviluppata da Iterchimica che prevede l’impiego di polimeri e materiali a base di grafene. Il grafene è un singolo strato monoatomico di atomi di carbonio disposti in una struttura a nido d’ape. Viene isolato dal materiale “geni ore” tridimensionale (grafite) attraverso tecniche di esfoliazione, oppure è creato in laboratorio.

La peculiare simmetria del cristallo di grafene e la sua bidimensionalità sono gli ingredienti base che ne determinano le ineguagliabili prestazioni chimico-fisiche. Per esempio: eccellenti proprietà meccaniche (carico a rottura 50 volte maggiore di quello dell’acciaio), elevata area superficiale attiva, leggerezza, impermeabilità. Directa Plus, leader nel campo del grafene, ha sviluppato un particolare grafene G+ (ITC1) sotto forma di additivo in polvere costituito da pacchetti di fogli purissimi con caratteristiche morfologiche e strutturali ottimizzate per ottenere il mas- simo dell’efficienza dell’additivo supermodificante Iterchimica. La soluzione è il risultato di ben tre anni di ricerca e collabora- zione tra Iterchimica e Directa Plus. La domanda di brevetto è già stata depositata e tutti i test hanno fornito ottimi risultati in termini di modulo di rigidezza, resistenza a fatica e ormaiamento. Considerando una pavimentazione realizzata con asfalti supermodificati a base grafene, si ottiene: a parità di spessore, un aumento della vita utile di oltre il 250÷300%; a parità di vita utile, una riduzione degli spessori del 10÷15%, con analoga diminuzione del consumo di materie prime, del consumo energetico e delle emissioni.
Iterchimica sta per realizzare il primo tratto stradale con supermodificanti a base grafene.

www.iterchimica.it

Leggi tutto...

Raccordo autostradale riqualificato

  • Pubblicato in Magazine

Una pavimentazione a elevate performance e ambientalmente ecosostenibile: è quella realizzata lungo il raccordo Bereguardo-Pavia della Milano-Serravalle. Siamo stati in cantiere a vedere l'ultima fase di stesa, insieme al pool di esperti che ha concepito ed eseguito l'opera.

di Elena Cazzato

Sul raccordo autostradale Pavia-Bereguardo, gestito dalla concessionaria autostradale Milano Serravalle-Milano Tangenziali, sono stati recentemente ultimati importanti lavori di Bereguardo interna1riqualifica che comprendono anche un nuovo pacchetto di pavimentazione. Quest’ultimo è il risultato di un processo di revisione progettuale che ha visto impegnata una squadra di tecnici guidati da un duplice obiettivo: migliorare le performance della sovrastruttura con conseguenti benefici in termini di sicurezza e durabilità e, insieme, salvaguardare l'ambiente.

La nuova pavimentazione, infatti, consente una riduzione del complessivo spessore degli strati bituminosi da 26 a 16-17 cm anche grazie all’impiego di alcuni innovativi additivi forniti da Iterchimica, azienda specializzata in soluzioni per il miglioramento delle pavimentazioni stradali, e presenta migliorie rispetto alla soluzione originaria, come per esempio l’incremento della vita utile a fatica.

L’impatto ambientale, poi, è stato drasticamente ridotto. Rispetto al progetto iniziale, la variante ha consentito di risparmiare quasi 4mila spostamenti di mezzi d'opera (per circa 72mila litri in meno di gasolio consumato), circa 18mila m3 di conglomerato bituminoso, quasi 40mila m3 di misto stabilizzato e cementato e, soprattutto, circa 130 giornate di stesa.

Un'ulteriore attività innovativa è consistita nell'impiego di particolari essenze vegetali con funzione di fitodepurazione all'interno dei fossi di guardia: si tratta della Bereguardo interna2tecnologia “made in USA” delle cosiddette “filter strips”, le strisce filtranti.

leStrade, per documentare i lavori in corso, nell'aprile scorso ha partecipato a un incontro a Torre d'Isola (Pavia), presso il quartier generale dell'ATI Itinera (capofila)-Caffù che sta portando a termine l'intervento (concluse le pavimentazioni, attualmente sono in corso i lavori di realizzazione del nuovo casello di Bereguardo), ha poi effettuato una visita in cantiere per osservare da vicino una fase di stesa del manto d'usura. Presenti, i tecnici della concessionaria Milano Serravalle-Milano Tangenziali e direzione lavori (Milano Serravalle Engineering), quelli dell'impresa (Itinera) e di Iterchimica.

Un ampio resoconto della visita tecnica è stato pubblicato sul numero di leStrade maggio, in distribuzione anche agli Asecap Days di Parigi, realizzato in doppia lingua italiano-inglese (lo potete trovare sullo sfogliabile online).

 

Leggi tutto...

Additivi a valore aggiunto

  • Pubblicato in Dal mercato

Iterchimica, azienda bergamasca leader a livello internazionale nel mercato degli additivi per asfalti, comunica l’ingresso nel capitale sociale dell’Ingegner Vito Gamberale, a cui viene affidata la carica di Presidente del CdA.
Fondata nel 1967 dal Geometra Gabriele Giannattasio, che oggi guida la società con i tre figli Alessandro, Mariella e Federica, Iterchimica ha interessato l’Ing. Gamberale, che vede nel mercato degli additivi per asfalti un’importante e necessaria innovazione per incrementare sicurezza, efficienza, eco-sostenibilità e risparmio nei trasporti.
Gamberale ha rilevato una quota minoritaria della società e si appresta ad accompagnare l’ulteriore evoluzione dell’azienda per affermarla tra i player di riferimento nello specifico mercato degli additivi per asfalti.
“Sono soddisfatto di questo mio nuovo impegno industriale e professionale, che mi vede ricoprire con orgoglio la carica di Presidente di una sana e solida realtà, che eccelle, come molte altre PMI del nostro Paese, in un mercato di nicchia ad alto potenziale”, ha dichiarato Vito Gamberale. “Spero vivamente che Iterchimica possa continuare l’importante crescita che la vede già oggi protagonista. Ringrazio altresì l’intera famiglia Giannattasio per avermi aperto le porte, in modo franco e sincero, della loro realtà aziendale”.
Soddisfazione anche da parte del fondatore Geom. Gabriele Giannattasio, che ha così commentato l’evento per la “sua” Iterchimica: “Sono contento nell’accogliere l’Ing. Gamberale all’interno della nostra realtà aziendale. Sono fiducioso che, grazie alla sua esperienza, troveremo, insieme ai miei figli, l’impulso per raggiungere nuovi traguardi. Ringrazio personalmente l’Ing. Gamberale per la fiducia riposta nella nostra azienda”.

www.iterchimica.it

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
doto vuoto

Login or Register

LOG IN

Register

Registrazione utente